Introduzione. Quello dei cambiamenti climatici è un tema molto importante nella comunicazione della scienza che sta animando il dibattito pubblico in maniera sempre più pervasiva sia perché i suoi effetti sono oramai sotto gli occhi di tutti sia perché i rischi associati per la salute e per l’ambiente sono tali da paventare, nel peggiore degli scenari, conseguenze catastrofiche e irreversibili. Alla fine del 2019 il Guardian, uno dei quotidiani più letti al mondo, ha pubblicato due articoli1,2 che spiegano le motivazioni che hanno spinto questo importante giornale britannico a usare un linguaggio e delle immagini nuove per descrivere il fenomeno che stiamo vivendo. Invece che “cambiamento climatico” il Guardian ha scelto di usare “emergenza climatica”, “crisi climatica” o “catastrofe”, sostenendo che l’espressione “cambiamento climatico” suona come piuttosto passiva e blanda quando ciò di cui si parla «è una catastrofe per l’umanità»3. Quanto alle immagini da utilizzare nella comunicazione la nuova linea editoriale è quella di pubblicare delle foto che mostrino l’impatto diretto delle problematiche ambientali sulla vita quotidiana delle persone, anziché mostrare, come avvenuto in passato, ecosistemi distrutti o animali in via di estinzione che possono apparire come concetti astratti e distanti. L’obiettivo dichiarato dal Guardian è quello di modificare la consapevolezza delle persone stimolando azioni e pratiche più informate e coscienti, sostenendo che il modo con cui si parla di una cosa ha delle conseguenze sul modo in cui viene percepita e sulle azioni che poi ne derivano. L’intensificarsi di fenomeni meteorologici estremi, l’aumento delle temperature, squilibri ecosistemici che mettono a rischio la sopravvivenza di animali e piante, la scarsità d’acqua sono tutti temi in cui si declina la crisi climatica e per i quali c’è necessità di una nuova consapevolezza e quindi di nuovi linguaggi comunicativi...

Comunicazione degli impatti dei cambiamenti climatici nelle aree montane alpine. Il caso dei ghiacciai del Trentino(2020 Jun 15).

Comunicazione degli impatti dei cambiamenti climatici nelle aree montane alpine. Il caso dei ghiacciai del Trentino

-
2020-06-15

Abstract

Introduzione. Quello dei cambiamenti climatici è un tema molto importante nella comunicazione della scienza che sta animando il dibattito pubblico in maniera sempre più pervasiva sia perché i suoi effetti sono oramai sotto gli occhi di tutti sia perché i rischi associati per la salute e per l’ambiente sono tali da paventare, nel peggiore degli scenari, conseguenze catastrofiche e irreversibili. Alla fine del 2019 il Guardian, uno dei quotidiani più letti al mondo, ha pubblicato due articoli1,2 che spiegano le motivazioni che hanno spinto questo importante giornale britannico a usare un linguaggio e delle immagini nuove per descrivere il fenomeno che stiamo vivendo. Invece che “cambiamento climatico” il Guardian ha scelto di usare “emergenza climatica”, “crisi climatica” o “catastrofe”, sostenendo che l’espressione “cambiamento climatico” suona come piuttosto passiva e blanda quando ciò di cui si parla «è una catastrofe per l’umanità»3. Quanto alle immagini da utilizzare nella comunicazione la nuova linea editoriale è quella di pubblicare delle foto che mostrino l’impatto diretto delle problematiche ambientali sulla vita quotidiana delle persone, anziché mostrare, come avvenuto in passato, ecosistemi distrutti o animali in via di estinzione che possono apparire come concetti astratti e distanti. L’obiettivo dichiarato dal Guardian è quello di modificare la consapevolezza delle persone stimolando azioni e pratiche più informate e coscienti, sostenendo che il modo con cui si parla di una cosa ha delle conseguenze sul modo in cui viene percepita e sulle azioni che poi ne derivano. L’intensificarsi di fenomeni meteorologici estremi, l’aumento delle temperature, squilibri ecosistemici che mettono a rischio la sopravvivenza di animali e piante, la scarsità d’acqua sono tutti temi in cui si declina la crisi climatica e per i quali c’è necessità di una nuova consapevolezza e quindi di nuovi linguaggi comunicativi...
2019/2020
Baldassarri, Catia
Sturloni, Giancarlo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Baldassarri_tesi.pdf

accesso aperto

Descrizione: Master thesis
Tipologia: Tesi
Licenza: Non specificato
Dimensione 2.65 MB
Formato Adobe PDF
2.65 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11767/115873
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact